Futurismo: Graziano Cecchini per la continuità storica

IL FUTURISTA magazine a c. di Rosso Trevi

sabato 18 gennaio 2014

il Futurismo, questo sconosciuto.

accenni di futurismo del terzo millennio   di Graziano Cecchini

“Io non credo a definizioni come “neo-futurismo”, per me il Futurismo ha una sua continuità storica futurismo 2109dal 1909 ad oggi, e non credo a classificazioni come “futurismo italiano, futurismo russo. Non vedo differenze tra essi, il futurismo è stato ed è solo Futurismo.
Nel Novecento il Futurismo sviluppava il concetto di azione e velocità attraverso le macchine del tempo e la loro meccanica; oggi, nel terzo millennio il Futurismo si può avvalere della potenza del gigabyte e della velocità di Internet.
La mia arte porta con sé il concetto di “arte immersa nel sociale, nella realtà storica e nella società attuale”.
Tecnicamente parlando io credo molto nella ridefinizione di forma. L’arte contemporanea, in seguito al famoso Taglio di Fontana è diventata sempre più astratta e sempre più lontana dai canoni classici di bellezza. Io credo sia arrivato il momento di chiudere il taglio e riconquistare la forma, per poter ripartire    con la ricostruzione dell’universo”.
Red T.
Futurismo: Graziano Cecchini per la continuità storicaultima modifica: 2014-01-25T19:03:51+00:00da asinorosso1
Reposta per primo quest’articolo