comacchio

Electro Comacchio dal 2011

Gli eventi dei Lidi direttamente sull’iPhone

E’ la novità tecnologica sotto l’ombrellone di 14 strutture della costa*from ESTENSE COM

 

Comacchio. Dagli operatori della costa una novità tecnologica. Per non perdersi neppure una delle numerose occasioni di divertimento dell’estate, arriva l’ultima applicazione per Iphone e Ipad: “Ferrara terra e acqua – Eventi”.

E’ questa la novità sotto l’ombrellone che 14 strutture dei Lidi di Comacchio (camping bungalow park Tahiti Village, camping Vigna sul Mar, centro vacanza I Tre Moschettieri, international camping Mare Pineta, camping Spiaggia e Mare, Spina Camping Village, Village and Camping Florenz, villaggio turistico Park Gallanti, Hotel Plaza, Club Village & Hotel Spiaggia Romea, le agenzie Il Mediatore, l’Onda e Vear Hausing, Po Delta Tourism), propongono ai turisti.

Continua

 

Enzo Nenci ( 1903-1972), la scultura come coscienza a Comacchio, Palazzo Bellini

Enzo Nenci, Isabella D'Este, 1962, terracotta patinata.JPG

16 aprile 2011 vernissage

fino al 22. 5. 2011

Enzo Nenci ( 1903-1972), la scultura come coscienza

Comacchio,Palazzo Bellini

La rivisitazione dell’opera di uno dei massimi scultori italiani del secolo scorso con una serie di opere che tracciano il percorso di cinquant’anni d’arte

 

Palazzo_Bellini.jpg

 

La mostra riprende il discorso sull’opera di Enzo Nenci ( Mirandola di Modena, 1903-Virgilio di Mantova, 1972),scultore che ha vissuto e operato per più di quarant’anni a Ferrara, con una scelta di opere espressa dai più importanti Poeti del Novecento che si sono occupati di storia dell’arte( Mario Luzi, Piero Bigongiari, Alessandro Parronchi, Roberto Sanesi, Franco Loi, ecc. ).

Le opere in esposizione abbracciano l’intero percorso dell’Artista,dagli esempi dell’età giovanile, a quelli della sua prima maturità vissuta nella città estense, sino a quelli più tardi che lo hanno reso celebre.

Enzo Nenci, Bonzi in preghiera, 1955, marmo pario.JPG


Enzo Nenci, Stalagmiti- stalattiti, evoluzione, 1957, bronzo.JPG

 

Negli spazi di Palazzo Bellini, l’itinerario espositivo parte con una serie di sculture in terracotta,marmo e bronzo, che documentano il sintetico espressionismo di Nenci degli anni Venti e Trenta, seguito al magistero dello scultore Ezio Ceccarelli ( 1865-1927)a Firenze, e a Roma, a quello del famoso scultore monumentalista Arnaldo Zocchi (1869-1940), cugino della madre. Sono gli anni in cui l’Artista ha studio a Palazzo dei Diamanti.jpgPalazzo dei Diamanti dove realizza, a fianco di imprese monumentali, importanti opere come Mater dolorosa, 1925, bronzo, Il lamento di un cieco, 1927, marmo pario, Spirito malato, 1930, marmo , Nazareno, 1932 c.a., gesso patinato, che partecipano tra 1925 e il 1937 a prestigiose mostre. Si prosegue con la drammatica espressività delle opere realizzate a Mantova nell’immediato dopoguerra ( Lo schiavo, 1945; Caino, 1947; Il ponte, 1947; Deposizione, 1950, bronzi) , che riflettono l’animo esacerbato dello scultore per la perdita nel conflitto bellico di due amatissimi fratelli e la distruzione in un bombardamento del suo studio ferrarese di Porta Po. Opere, queste, caratterizzate da “ tensioni fisicamente corpose, come inarcature, nodi e grumi pieni di materia, alcunchè di impulsivo e originario, fremente sotto la superficie” (F.Bartoli). Per continuare con le opere degli anni Cinquanta, quando Nenci abbandonata l’esasperazione formale, si volge ad una espressione carica di significati e delicate introspezioni. Nascono così capolavori come “ Argonauta”,1950, “ Adolescente”,1953, “Fili d’oro” e “Testina”,del 1953, opere nelle quali la materia è esaltata “ nella resa delle superfici, nella politezza di certi volti, nel controllatissimo mestiere “ ( M.C.Mundici), vòlte “alla ricerca della struttura e dell’espressione: vale a dire di una sintesi fra solidità della materia e duttilità del suo disegno” (A.Trombadori). Seguono altre due fasi, quella dei sacerdoti “Orientali” ( Bonzi in preghiera, 1955, marmo pario, Bonzo, 1954,bronzo,Il saggio-Sacertote del Cielo, 1955, bronzo), torniti nelle loro “ enfie volumetrie bloccate “( G.Di Genova) e quella in cui Nenci tende al “ superamento dell’idea tradizionale di scultura come statuaria ed è in particolare nelle sculture intitolate Stalagmitistalattiti che si esprime la fase più matura, significativa e veramente moderna” (G.Di Giacomo), nelle quali si avverte “ profondamente il richiamo di quell’astrattismo sensitivo, sempre animato di una sottintesa carnalità”.(R.Bossaglia)

La mostra è curata da dagli storici dell’arte Laura Ruffoni e Gianfranco Ferlisi ed è accompagnata da un libro-catalogo che contiene il testo critico di Giuseppe Di Giacomo, professore ordinario di Estetica all’Università “ La Sapienza” di Roma, e le liriche dedicate alle sculture di Nenci dai maggiori Poeti del Novecento, argomentate dal critico letterario Giuseppe Muscardini.

 

Enzo Nenci, Mater dolorosa, 1925, bronzo. Museo Novecento, Milano.JPG

 

Enzo Nenci è ritenuto uno dei massimi scultori italiani del secolo scorso; ha studiato a Firenze sotto la guida dello scultore Liberty Ezio Ceccarelli (1865-1927) e a Roma nello studio del famoso scultore monumentalista Arnaldo Zocchi (1869-1940), cugino della madre. A Ferrara ha realizzato diverse opere monumentali ed esposto alle importanti mostre degli anni Venti e Trenta con i migliori artisti dell’epoca ( G.Boldini,G.Mentessi, A.Funi, F.De Pisis, A.Minerbi,ecc.). Nel dopoguerra, in seguito alla distruzione in un bombardamento del suo studio a Porta Po, si trasferisce prima a Ponte San Pietro di Bergamo, poi a Mantova. Conquistato dalla bellezza della città dei Gonzaga e dsll’ospitalità dei suoi abitanti vi risiede, vincendo concorsi pubblici e partecipando a importanti mostre. Tra i recenti riconoscimenti, il museo on-line figure-sculpture dedicato alla scultura internazionale del Novecento, diretto da Chris Miller, l’ha inserito con sei opere tra i Masters of 20TH Century, accanto a Martini, Wildt, Andreotti, Marini, Greco, Manzù, Rambelli, e altri importanti artisti. All’Artista sono state curate più di venti mostre antologiche in prestigiosi musei e gallerie pubbliche ( per citarne alcune:1983, Palazzo Te, Mantova; 1984, Palazzo dei Diamanti, Ferrara, 1997, Casa del Mantegna, Mantova: 2003, GAMa, Gallarate;ecc.) presentate da eminenti storici dell’arte

( G.Di Genova, L.Caramel,

Sgarbi.jpg

V.Sgarbi, C.Bertelli,L.Magagnato,F.Bartoli,G.M.Erbesato,A.Trombadori,R.Bossaglia, P.Fossati, F.Monteforte, A.Andreotti,M.C.Mundici, D.Cara, ecc.).Sue opere sono conservate in diversi Musei d’Arte moderna ( Cuba, Milano, Ferrara, Mantova,Foggia,ecc.)


Da l6 aprile al 22 maggio 2011

Enzo Nenci la scultura come coscienza

a cura di Laura Ruffoni e Gianfranco Ferlisi

inaugurazione ; 16 aprile ore 11

Palazzo Bellini

Via Agato Pisto,5 44022 Comacchio (Ferrara)

orario: 10-12,30/ 15,30-19,30

ingresso liberobaretti.jpg

catalogo Publi-Paolini

info: tel 0533 315829

e.mail:laura.ruffoni@comune.comacchio.fe.it

Gumwriters- Quei Pazzi degli Estensi!

Gli Estensi: che branco di matti!

dicembre 3rd, 2010

 
Avendo modo d’aggirarmi tra i loro possedimenti – e grazie al cielo Ferrara si è conservata attempata e “nature” come Brigitte Bardot – dovevo per forza decidere di farmeli amici. Con quelli moderni le cose vanno come vanno, ma sono gli Estensi di vecchia data ad attrarre maggiormente la mia attenzione… sì, lo so, a dirlo si fa la parte degli snob! Ebbene, sappiate che, nonostante un caratterino piuttosto indisponente, riesco anche a farmi amare da qualche ferrarese ancora in vita.
Oggi però non vi parlerò di loro, i vivi parlano già da soli – fin troppo – mentre ai defunti ci si pensa solo il 2 novembre. Ecco quindi che vi propongo due chiavi di lettura, la prima è “a modo mio” e la scovate negli articoli che ho dedicato (e continuerò a farlo, ma se scrivo qui non scrivo là e se scrivo là non scrivo qui… un bel casino!) a “Ferrara è una repubblica fondata sugli Estensi”.

Il link vi rimanda al mio sito – perdonatemi la pubblicità occulta – semplicemente perché quel giorno avevo del tempo da perdere e ho diligentemente messo in ordine le puntate della saga (la famosa “saga mentale” se mi passate la battuta!). Le puntate escono a sorpresa, perché ad organizzarmi la vita ci pensa la mia segretaria – non ho alcuna segretaria, quindi fate un po’ voi! – mentre io mi diletto a scrivere. Di solito nascono come “note” sul mio profilo facebook, trasmigrano nel mio blog ferrarese “fatiquei” (ovviamente anche il titolo del blog è in ferrarese) per poi essere organizzati diligentemente nel mio blog “Il bandolo della matassa”: “saghe mentali”, appunto!
Ma c’è anche un modo più serio e diligente di conoscere gli Estensi, mica tutti sono cialtroni come me! Ecco quindi la seconda chiave di lettura: mi sono infatti imbattuta in un buon testo, leggero (beh, insomma, poi vi dirò…), pratico, con l’abc degli Estensi e qualche gustoso gossip d’annata….
 
continua GUMWRITERS

Halloween a Comacchio la Piccola Venezia ferrarese

Comacchio prepara il travestimento per Halloween

Comacchio prepara il travestimento per HalloweenComacchio. Zombie e fantasmi che si aggirano per le vie del centro storico, barche misteriose che traghettano le anime perdute  sui canali che percorrono la cittadina, vampiri e licantropi che si sfidano sui Trepponti. Comacchio, la “capitale” del Delta del Po ferrarese si trasformerà per due giorni, il 30 e 31 ottobre, nella “Città di Halloween”, per celebrare questa festa di origine anglosassone ormai diventata una tradizione anche in Italia. L’intera cittadina diventerà la location del ricchissimo programma di eventi “Halloween Sgarabusen” – dal nome di un folletto dispettoso che secondo la leggenda disturba il sonno di grandi e bambini –  che inizieranno il 30 ottobre e continueranno ininterrottamente fino alla notte del 31.
segue ESTENSE COM link in alto

Comacchio: Grande tour estivo del Teatrino dell’Es

E il tour, tra Lido di Volano, Portogaribaldi ….. e infine Lido di Spina,  griffato Operazione Delta- …. Tutti gli Amici di Punto e Virgola…. pur focalizzato, atmosfere prettamente estive e vacanziere, e modulate sull’estetica naturale dei più piccoli, ha brillantemente confermato e anzi amplificato la poetica unica del Teatrino dell’Es. Un tour godibilissimo e apprezzatissimo, finalmente un Grande Evento a puntate quasi per i Lidi Comacchiesi, con la platea più esigente, i fanciulli, ovvero la costellazione più luminosa della specie umana, secondo un certo Rilke (al quale, in tale link specifico dell’infanzia, così piccola così gigante, il fare arte di Zanella e Pasqualini certamente appare spesso come una sorta di affinità elettiva) * Asino Rosso

OPERAZIONE DELTA  OVVERO TUTTI GLI AMICI DI PUNTA E VIRGOLA

Da un idea di Vittorio Zanella, testo di Francesca Zoppei, regia di Vittorio Zanella, musiche originali di Luigi Mosso e Jacopo Bonora, scene e colore di Marco Paci, produzione del Teatrino dell’Es di Rita Pasqualini e Vittorio Zanella.

Realizzato in collaborazione con la Provincia di Ferrara, il Comune di Comacchio, la Camera di Commercio di Ferrara, il Parco Delta del Po, e l’Unione di Prodotto Costa della Regione Emilia Romagna.

Si ringraziano Giovanna Commissione, Danilo Mattei, Fausta Molinari, Luciana Viaro.

Trama : percorso sul tema dell’amicizia, dove le due vongole Punto e Virgola, in procinto di sposarsi, vengono bloccate sotto la sabbia da un incantesimo malefico, perché al loro matrimonio non hanno invitato la strega feroce tutta magra e tutta secca col suo lupo nero. Ecco che inizia una gara di solidarietà per liberare dalla sabbia Punto e Virgola, dove l’anguilla Camilla ha il compito di nuotare fino alla laguna per avvisare il fenicottero Piuma, che volerà dal Cervo Alfonso nel Bosco della Mesola, che con le lunghe corna scaverà la sabbia per liberare le due vongole.

 

ARTICOLO DA – EVENTI E E SAGRE

Elioterapia per il Pd Ferrara….

* DA ESTENSE COM

“Vogliamo dire all’Italia che non si deve rassegnare alle sorprese che troverà al rientro dalle vacanze: un paese meno equo e più povero, con meno servizi e più oneroso per i cittadini”.

Paolo Calvano lancia a Ferrara la campagna che il Partito Democratico dell’Emilia-Romagna ha organizzato per oggi e domani in diverse località turistiche della riviera adriatica con contro i tagli della manovra e per informare i cittadini sulle idee e le proposte per rilanciare la ripresa del Paese.

“Non sarà il solito grido fatto di proclami sterili – avverte il segretario provinciale, che ha presentato l’iniziativa insieme a tutti i “vip” di partito, da Bratti a Bertuzzi, da Montani a Montanari a Zappaterra -, ma la proposta di questioni concrete che toccano la quotidianità delle persone, dai trasporti pubblici alla scuola, agli investimenti in opere pubbliche, tutti interessi che verranno toccati dalla manovra del governo”.

Nel Ferrarese….una serie di iniziative, incontri e banchetti per distribuire i materiali e i gadget della campagna nelle spiagge a Porto Garibaldi, Lido degli Estensi e Lido di Spina. “Distribuiremo volantini al mattino in viale dei castagni, presso il mercato di Estensi, e in viale delle Querce – illustra Federico Frattini, presidente dei Giovani democratici ……

http://www.estense.com/il-pd-in-spiaggia-ma-non-in-vacanza-075762.html

Lidi Comacchiesi Daniella Firpo ouverture Incontri di Mare

Daniella Firpo a Comacchio.jpgda Estense com

Il primo concerto vedrà protagonista Daniella Firpo, cantante e compositrice bahiana. Con lei sul palco di Lido di Volano, piazza Volano Centro: Beppe Forniroli (chitarra), Nei Portilho (basso) e Marco Babboo (percussioni).

La band propone un concerto che esalta la ricchezza dei generi brasiliani adattandoli alla moderna scena musicale. Nel repertorio del gruppo affiorano il samba, il choro, atmosfere bossa-jazz inframmezzate da canzoni d’autore composte dalla Firpo, la cui solida formazione è riconosciuta dalla critica specializzata di tutto il Mondo.

La cantante non tralascia lo swing percussivo afrobrasiliano, sconfina nella musica nordestina e nei brani tradizionali della sua terra, come il samba de roda che ama mixare ad altri stili con risultati straordinari….

*art compl.

 http://www.estense.com/la-musica-brasiliana-incontra-il-mare-068106.html

   

 

Ferrara Lo scrittore Marcello Simoni edito in Spagna

Non capita spesso di trovare un ferrarese che pubblica un romanzo in Spagna, ma così è stato per Marcello Simoni, comacchiese e tra i promotori della cultura del libro nell’estate dei Lidi da diversi anni a questa parte. “L’impronta”, casa editrice appartenente al gruppo Algaida, ha infatti messo sul mercato “L’enigma dei quattro angeli” (Edizioni Il Filo, 2007).
 
…..Marcello Simoni è nato nel 1975 e vive a Comacchio. Laureato in Lettere nel 2000, ha svolto per qualche tempo l’attività di archeologo; attualmente lavora come bibliotecario a Comacchio. Ha pubblicato diversi saggi di carattere storico e archeologico. L’enigma dei Quattro Angeli è il suo primo romanzo….
 
art completo http://www.estense.com/scrittore-ferrarese-pubblicato-in-spagna-059207.html


nome.cognome @… Verifica la disponibilità sui NUOVI domini

AzioneFuturista RossoTrevi x PpF M5S Beppe Grillo

da FERRARA SUPEREVA

FREE TIBET FREE FERRARA *(Comunicato Stampa)*anteprima adunata nazionale dei futuristi contemporanei a Ferrara,inaugurazione ospedale di Cona, marzo 2011.

Ferrara… e’ un’associazione a dipingere tatuata pd (in minuscolo)di pseudocompagni e tutta la bottega. Citta’ in grave crisi culturale ecologica tecnologica psicologica etica civile. Citta’ in irreversibile.. bianconero pilotata da una casta di daltonici da curare con avanzate terapie laser. La casta Ferrara 2010 tatuata pd e’ una cataratta contagiosa. Azione Futurista e’ medicina nanotech per riportare il colore e l’arcobaleno del futuro a Ferrara.

Nostro obiettivo e’ inaugurare il futuro Ospedale di Cona con  pazienti doc   autocensura. Obiettivo: liberare Ferrara dalla casta politica pd ovvero partito democristiano  in nome della rivoluzione futurista incompiuta di Karl Marx e Vladimir Majakowsky, Filippo Tommaso Marinetti.

In nome di Azione Futurista Rossotrevi Roma-Ferrara e …azione non stop dalla fontana rossa di Trevi del 19 10 2007;dal futurismo dei diritti umani  per la liberazione del Tibet, al centenario di Ferrara in data 20 2 2009, data del rilancio ufficiale del movimento futurista, al 1 maggio futurista 2010 a Roma:

(ARTISTI PER STRADA “ «L’arte è azione, è in strada, è di tutti e per tutti» Graziano Cecchini

In nome oggi unilaterale e disinteressata del Movimento Cinque Stelle di Beppe Grillo, ciberprofeta della rivoluzione del web, e di Progetto per Ferrara, unica opposizione degna di questo nome, coerente chiara e trasparente a Ferrara.

Il pd Ferrara e’ l’ultima banda dei 4 made in china e i ferraresi sono come il libero popolo del Dalai Lama. Liberare Ferrara in nome della nascente democrazia ecofuturista, sintesi tra le spine e il profumo delle rose – (sublime combinatoria di atomi petali nel divenire eterno dell’astronave Terra nella particella del sublime giardino di Giorgio Bassani)- e il senno perduto dall’Ariosto sulla Luna.

Il 21 7 1969 l’Ariosto e’ realmente volato sulla Luna. i liberi ferraresi non lo sanno perche’ il pd Ferrara ha ovattato la citta’ in una bolla di polvere nebbia solidissima. Oggi con l’Ippogrifo futurista dalla Luna riportiamo a Ferrara il cervello dei ferraresi oggi elettronico!

“La produzione di troppe cose inutili (leggi pd Ferrara e tutta la casta politica culturale economica giornalistica) genera troppe persone inutili (leggi autocensura). Karl Marx

“Amici miei, si e’ fatta aurora… clorofilla di luce pronta a illuminare Ferrara!

N.B*Il nostro appoggio a PpF e il Movimento 5 Stelle è scelta unilaterale e disinteressata.

AZIONE FUTURISTA ROSSOTREVI FERRARA-ROMA

Graziano Cecchini Roberto Guerra Maurizio Ganzaroli Zairo Ferrante LLF Laboratorio Letteratura Futurista (AIT -Ferrara) Thc Polimedia

Roma, Ferrara, 21 5 2010

http://guide.supereva.it/ferrara/interventi/2010/05/azione-futurista-rossotrevi-per-progetto-per-ferrara-m5s-beppe-grillo/

Il PD Ferrara disidra-datato da PpF

Oro blu, solo convegni passerella

di Valentino Tavolazzi
 
Apprendiamo dalla stampa che si è svolto un convegno sull’oro blu (l’acqua), per esaminare la situazione delle città del Po, fra inquinamento del fiume e liberalizzazione del servizio idrico integrato. Insieme alle Istituzioni erano invitati esperti del settore, rappresentanti di Hera, una associazione ambientalista (Legambiente) e rappresentanti in Parlamento del Pd (Alessandro Bratti). Ci auguriamo che dall’iniziativa escano idee (oggi c’è solo apatia ed immobilismo al riguardo) ed informazioni in merito a quanto si sta facendo per arginare la contaminazione delle acque del Po, da parte di inquinanti industriali di ogni specie (come il Pfoa), che da anni vengono liberamente scaricati da note industrie piemontesi, lombarde, emiliane e venete, senza che nessuno controlli!
Leggi il resto… »

 

 


Novità dai Social Network e i tuoi account di posta… Tutto su Hotmail!